Home Tecnica e manutenzione Impariamo a riparare il nostro cupolino
20 | 11 | 2017
FazerItalia
Club FazerItalia
FazerNewsletter
Iscriviti per rimanere aggiornato su FazerItalia
Tipo
Donazione
Grazie per il tuo supporto.
Importo: 

Chi c'è online
 18 visitatori online
Club Yamaha Ufficiale
Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.smile.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402 Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.smile.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402 Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.smile.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402 Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.bigsmile.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402 Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.smile.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402 Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.wink.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402 Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.wink.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402 Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.wink.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402 Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.dead.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402 Warning: copy(file:///F:/teleport/fazeritalia.it/www.fazeritalia.it/modules/RteMulti/pneditor/images/em.icon.cool.gif): failed to open stream: No such file or directory in /web/htdocs/www.fazeritalia.it/home/plugins/content/mavikthumbnails.php on line 402
Impariamo a riparare il nostro cupolino PDF Stampa E-mail
Scritto da Elric   
Il bello della Fazer è il cupolino che ci protegge dall'aria (e dai moscerini Smile ).

Purtroppo, in caso di caduta diventa il lato negativo della nostra stupenda moto, poiché è la prima cosa che si rompe. Infatti, è proprio questo malefico pezzo di plastica che mi si ruppe un anno fa a causa di una banale scivolata.
Il prezzo ufficiale del cupolino della Fazer è 455 Euro e perciò potete ben capire che non ci misi molto tempo per scegliere la riparazione fai-da-te.

Riparare un cupolino o una carena in plastica è meno difficile di quello che sembra e, vedrete, non lo sarà nemmeno per voi. Nel caso non ve la sentiate, o non siate molto ferrati nei lavori manuali, fatevi aiutare da un amico un po' più esperto. Le operazioni che spiegherò più avanti non sono difficili, però un minimo d’esperienza serve. Vi assicuro che sarà divertente e pure un modo per restare vicini alla propria moto durante la pausa invernale. Smile

Allora, cominciamo dal materiale occorrente e che potete trovare nei negozi di colori o nelle ferramenta:
-cacciavite con punta a croce
molto meglio se dotati di prolunga flessibile (alcune viti sono  raggiungibili solo al prezzo di molte imprecazioni Smile
-una spatola piatta
-carta abrasiva con grana da 100 (un pezzo di 15 cm è più che sufficiente) e alcuni fogli da 800
-fibra di vetro bi-componente
-stucco plastico
-tanta pazienza Laughing

E' ovvio che lo smontaggio del cupolino si rende obbligatorio, se non altro per facilitare le operazioni di riparazione all'interno dello stesso. Le viti sono tante e perciò è utile dividerle in gruppi, in modo di sapere dove vanno rimesse.
Cercate anche di ricordarvi in che ordine state togliendo le viti.
OK, il cupolino è smontato e noi siamo liberi di lavorarci sopra.
Per usare la fibra di vetro è bene carteggiare con la carta abrasiva da 100 la parte dove andrà la stessa (vale a dire l'interno del cupolino), in modo da togliere la vernice. Grattate anche una parte della plastica per permettere un fissaggio migliore. Non pulite la superficie con solventi o altro che potrebbe compromettere l’adesione della fibra alla plastica.

Un paio di parole sulla fibra di vetro. La fibra di vetro si può trovare in 2 formati:
- stucco, cioè spalmabile
- come rete a cui va applicata una resina bi-componente.

L' uso di questi 2 tipi va fatto a seconda del danno che abbiamo sul cupolino. Per semplici crepe può anche andare bene lo stucco, che va applicato a spatola e cercando di dare uno strato di almeno 2/3 mm. Questo, per dare un minimo di resistenza alla trazione (la fibra è tutto, tranne che elastica). La versione in "stoffa" è quella che ci darà più sicurezza in tutti i casi, che siano semplici crepe o rotture nette con pezzi staccati.
La fibra va imbevuta con la resina bi-componente e poi distesa sulla crepa e/o sui pezzi che dobbiamo riattaccare. Per entrambi i casi cercate di fissare bene i pezzi con del nastro adesivo, cercando di far combaciare il più possibile le parti fra loro. Più sarete precisi e meno stucco dovrete usare.
Quando siete sicuri che la fibra ha fatto presa, provate a fare delle piccole torsioni sulla parte riparata per vedere se è ben fissata alla plastica. Concluse le prove strutturali della riparazione, passiamo alla stuccatura della parte esterna del cupolino.
Anche qui si passa prima una carteggiata, però con la carta da 800 sempre per migliorare l'ancoraggio dello stucco plastico. Con una spatola piatta stucchiamo la crepa cercando di stare il più possibile aderenti alla superficie. Quando lo stucco sarà asciutto (almeno un paio d'ore) carteggiatelo ad acqua (cioè imbevete la carta nell'acqua in modo da non fare graffi troppo profondi e poi visibili quando rivernicerete il cupolino) e, con l'aiuto della luce, cercate eventuali difetti (tranquilli li troverete Smile ). Stuccate e carteggiate più volte, fino a quando la superficie sarà liscia, senza buchetti, sormonti o eventuali scalini che si formano tra lo strato di stucco e la plastica. Cercate di seguire il meglio possibile la superficie e non preoccupatevi se avrete fatto uno strato di stucco, l'importante è di avergli dato la stessa forma che c'era "sotto". Quando il cupolino verrà riverniciato quello che si noterà saranno gli scalini o i buchi. Nessuno verrà a controllare con il goniometro se una curva è diversa da quella originale. Wink Se vi è rimasto un po' di stucco e siete possessori delle versioni pre 2003, vi converrà passarne una mano anche sulla fibra, per lisciarla almeno un po', visto che la parte interna è perfettamente visibile, a differenza della versione 03 che è coperta dalla plastica.
Siamo quasi alla fine. Ora bisogna carteggiare con la carta abrasiva da 800 (sempre bagnata nell'acqua) tutto il cupolino (interno e esterno). Perché? Semplice, meno cose fa il carrozziere, meno spenderete.

Avete ancora un po’ di pazienza? Spero di sì, perché c’è da rimontare il cupolino. Se avete seguito il mio consiglio all’inizio della spiegazione sarà tutto più facile. L’avete fatto vero? Wink
Uff...  ce l'abbiamo fatta. Foot in mouth
Ora non resta che montare sulla moto e… partire per nuove avventure! Cool
 
Copyright © 2017 FazerItalia: il valore aggiunto!. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookie da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information